ATTENZIONE: la tua versione di Microsoft Internet Explorer è obsoleta e potrebbe compromettere la tua corretta navigazione. Aggiornala adesso!

Raccoglitori    Riciclatori    Impianti di Trattamento
Imprese/PA    Officine   


Imprese/PA
Produttori/Importatori
Raccoglitori/Riciclatori

partner

LA PUGLIA CREDE NELL'ECONOMIA CIRCOLARE

Ben 11 milioni di chilogrammi di pile e batterie, 600 mila di RAEE e 7 mila di pneumatici fuori uso. Questi i dati dei rifiuti tecnologici recuperati nel 2016 in Puglia da Cobat. Un impegno concreto a favore dell'economia circolare illustrato nel convegno "Riciclo, legalità e best practice per lo sviluppo del territorio" organizzato a Bari durante il tour Panorama d'Italia. «Insieme ai nostri punti Cobat lavoriamo per un sistema produttivo rispettoso dell'ambiente - hanno detto il presidente Giancarlo Morandi e il direttore operativo Claudio De Persio - Non raccogliamo rifiuti, ma prodotti. Questa è l'economia circolare».

video correlati

IN ITALIA 71 REATI AMBIENTALI AL GIORNO

IN ITALIA 71 REATI AMBIENTALI AL GIORNO

Nel 2016 sono stati 25.889 i reati ambientali accertati sul territorio nazionale: 71 al giorno, circa 3 ogni ora. Intanto, a due anni dalla sua entrata in vigore, arrivano i primi effetti positivi della legge sugli ecoreati: crescono del 20% gli arresti e diminuiscono del 7% gli illeciti. Sono alcuni dei dati più significativi che emergono dal Rapporto "Ecomafia 2017 di Legambiente, le storie e i numeri della criminalità ambientale in Italia" edito da Edizioni Ambiente con il sostegno di Cobat e Novamont. Durante la presentazione, che si è tenuta nella Sala della Lupa alla Camera dei Deputati, il presidente del Consorzio, Giancarlo Morandi, ha chiesto con forza maggiori controlli e una normativa più efficace.

leggi
I PUNTI COBAT TRA LE ECCELLENZE PUGLIESI

I PUNTI COBAT TRA LE ECCELLENZE PUGLIESI

Dal 1974 promuove l'economia circolare in Puglia. Il Punto Cobat Nicola Veronico è una delle eccellenze imprenditoriali che si sono confrontate nell'incontro organizzato a Bari all'interno del tour Panorama d'Italia. Secondo l'Amministratore delegato Nicola Veronico, rispetto delle regole e formazione sono le chiavi per raggiungere risultati importanti. Intanto, anche grazie al lavoro dei sette Punti Cobat, la Puglia si sta dimostrando una Silicon Valley del riciclo, coniugando sviluppo e difesa dell'ambiente.

leggi
INQUINAMENTO E CLIMA: LA TERRA SI TRASFORMA

INQUINAMENTO E CLIMA: LA TERRA SI TRASFORMA

I grandi eventi di Focus fanno tappa a Bari per parlare di inquinamento e cambiamenti climatici. Controllo delle emissioni, riciclo di materiali ed economia circolare sono le medicine per curare un pianeta malato. Anche Cobat da quasi 30 anni fa la sua parte per difendere l'ambiente e il futuro.

leggi
PILE ESAUSTE, SEMPRE PIU' PUNTI RACCOLTA

PILE ESAUSTE, SEMPRE PIU' PUNTI RACCOLTA

Si è riunito nella sede Cobat di via Vicenza a Roma il Comitato esecutivo del Centro di Coordinamento Nazionale Pile e Accumulatori. Per il futuro si punta a nuove campagne di informazione e a un ulteriore aumento dei punti di raccolta, oggi a quota 5.283. Dal Report annuale del CDCNPA emergono diversi dati interessanti. La raccolta di pile e accumulatori esausti in Italia continua a ritmi serrati. Quasi 9.500 le tonnellate di batterie portatili avviate al recupero nel 2016, in leggero calo rispetto all'anno precedente per l'utilizzo di ricaricabili. Costante la raccolta di accumulatori industriali e per veicoli avviati al riciclo da parte dei sistemi aderenti al CDCNPA: quasi 160.000 tonnellate.

leggi
ECONOMIA CIRCOLARE, LOTTA ALLA BUROCRAZIA

ECONOMIA CIRCOLARE, LOTTA ALLA BUROCRAZIA

A Roma il quarto Ecoforum promosso da Legambiente, Editoriale La Nuova Ecologia e Kyoto Club con il sostegno di Conou. Tema: l'economia circolare dei rifiuti. L'Italia sta facendo importanti passi avanti grazie anche a esperienze virtuose come quella di Cobat. Ma resta il problema dei troppi vincoli burocratici e di una normativa inadeguata che va resa più semplice e organica.

leggi
ALTAN DISEGNA L'AMBIENTE PER IL G7

ALTAN DISEGNA L'AMBIENTE PER IL G7

Venticinque vignette folgoranti, ironiche e piene di saggezza raccontano la visione del celebre disegnatore Altan rispetto alle tematiche ambientali. Sono il contributo che Cobat e Conou hanno offerto al dibattito organizzato a Bologna tra i ministri dell'Ambiente del G7. I due Consorzi sono impegnati da oltre 30 anni sul fronte della sostenibilità ambientale e rappresentano un'eccellenza italiana a favore dell'economia circolare, come ricordato anche dal ministro Gian Luca Galletti intervenuto alla presentazione delle vignette di Altan alla Fondazione Cineteca di Bologna.

leggi
Logo COBAT